La Sovrana lettrice di Alan Bennett

La Sovrana lettrice di Alan Bennett

La sovrana lettrice

Da questo posto non riesco proprio a staccarmi, ragazze.

L’ho curato e cresciuto per anni anche se ora l’ho lasciato andare un po’. Potrei fare un bel proposito per il nuovo anno e cioè prendermi almeno una sera a settimana per curare questo mio spazio personale. Mi frullano in mente diverse idee, chissà che forse non riesco a metterle in atto: prima fra tutte vorrei aprire un canale youtube.

Comunque tutto questo sproloquio stasera non è per parlare di progetti futuri o altro, ma di un libro ovviamente. Letto qualche settimana fa e che mi ha divertito come non mai e che quindi vorrei consigliarvi con tutto il cuore.

Si tratta di un libro davvero piccolo, un libricino potrei dire, edito da Adelphi, ad opera di Alan Bennett:La sovrana lettrice“. A far da “Cicerona” alla copertina non vi è altri che Sua Maestà la Regina Elisabetta II, splendida come sempre – anche dopo che ha fatto 90 anni.

Qui vi lascio il link di IBS per tutte le informazioni, il prezzo è altino (13.50€) per un romanzo così piccolo, ma vi incoraggio ad acquistarlo, perché secondo me non ve ne pentirete.

 

Ecco cosa ne penso:

Così scorrevole e minuto da leggersi in un paio d’ore, ma che ha bisogno di tempo per essere realmente apprezzato, un po’ come un vecchio vino a decantare, “La Sovrana lettrice” con un humour tutto inglese descrive un personaggio reale e di un certa levatura con brio e leggerezza, rendendo l’intera faccenda un simpatico interludio di una vita frenetica tutta impegni e scadenze da rispettare.

La vicenda è semplice e sfrutta un banalissimo e casuale pretesto per dare il via ad una serie di incredibili effetti collaterali, quando la regina inizia per caso e con un incipit per niente incoraggiante la sua avventura libresca non ci si può certo aspettare questo finale, del tutto a sorpresa ma con il suo perché.

 

Ovviamente non vi dico nulla perché tale finale a sorpresa e completamente inaspettato va assaporato nel modo in cui l’autore lo vuole presentare.

Amante del colpo di scena, l’uscita di grande teatralità e impatto che lascia la platea a bocca aperta, Alan Bennett da commediografo sfrutta un linguaggio semplice e per nulla artefatto, una prosa divertente, cadenzata sulla base di dialoghi e poche descrizioni, sembra quasi di star leggendo il copione di uno spettacolo con diversi ma peculiarissimi personaggi:

ecco quindi comparire il diretto consigliere della regina sempre più preoccupato della sua sovrana che comincia a trascurare così tanti aspetti della sua vita da far girare voce a palazzo che la Regina comincia a farsi vecchia

 

La Regina con il cipiglio della sua illustre antenata (parlo della Regina Vittoria, a cui l’attuale Regina ha strappato lo scettro di Regno più longevo) e con pochi ordini calibrati rimette tutti in riga dimostrando la falsità di qualunque idea blasfema o pettegolezzo avesse iniziato   dilagare nel castello, confutando ogni forma di demenza senile che potesse averla in qualche modo colpita.

 

Come in ogni opera teatrale Ognuno merita il suo posto e calca la scena del libro con grande maestria, che sia il Gran Ciambellano o il Primo Ministro oppure – perché no – è il turno del domestico sventurato elevato a factotum personale della regina.

 

Nessuna morale della favola, piuttosto si resta con l’idea di aver letto una commedia teatrale molto divertente e per nulla utopistica, solo un po’ surreale, forse perché nell’immaginario non si riesce a pensare alla Regina del Regno Unito come ad una persona normale,  ma più come a qualcuno di più lontano dalla realtà.

Vi lascio con una piccolissima citazione: “Un libro è un ordigno per infiammare l’immaginazione.” (La sovrana lettrice)

 

Ho appena terminato “Follia” di Patrick McGrath, passate di qui, se volete saperne di più.

A presto Jò!

 

Giovanna
Giovanna Lubrano Lavadera
giovanna.lubranolavadera@gmail.com
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.